ideas and so much more {..........................} for omnivorous |ämˈniv(ə)rəs| people

Il mercatino delle idee? No, molto di più. Etsy è una comunità di centinaia di migliaia di utenti - compratori e venditori - che abbracciano tutto il globo da oltre 150 paesi di provenienza. Nel 2010 i 7 milioni di utenti registrati hanno prodotto transazioni per un valore di 314 milioni di dollari (nel 2007 erano 4,3 milioni di dollari con 300.000 prodotti venduti). A differenza di Ebay, Etsy punta sulla community personale e personalizzata. A quanto pare la formula “hand-made" e "vintage" insieme al "personal community feeling" sono vincenti. Il nome Etsy si deve al suo fondatore Robert Kalin che cercava “una parola senza senso, un brand creato sull’improvvisazione”. Le leggende aziendali narrano che mentre stava guardando guardava il film “8 e mezzo" di Fellini Kalin prendeva nota di quello che sentiva. "In italiano pronunciavano in continuazione "etsi" ("eh sì")". Nel 2005 nacque il brand e il sito che oggi è una "bottega" globale di prodotti realizzati interamente a mano. Navigando il sito, o meglio perdendocisi, si notano immediatamente qualità, creatività e originalità delle idee proposte. Stampe su carta, su tessuti, t-shirt, vestiti, accessori, soprammobili, vintage di ogni genere (deve avere almeno 20 anni), mobili, gioielli, quadri, scutlure, piatti, bicchieri, idee di ogni tipo, di ogni dimensione e per tutti i gusti. Inutile dire che non siamo davanti ad un "semplice" sito di e-commerce ma a qualcosa di molto di più. L’idea di fondo di portare "il cuore nel commercio in modo che l’imprenditorialità sia più equa, sostenibile divertente” sembra davvero concretizzata. In un mondo di colossi del commercio le imprese molto piccole (molto spesso nel nostro caso unipersonali) influenzano e plasmano in modo molto profondo l’economia globale. Nella standardizzazione dell’offerta - quando una t-shirt di H&M possiamo trovarla identica e contemporaneamente a Parigi, Tokyo e New York - si riscopre il valore dell’idea creativa, l’artigianalità e dell’unicità del pezzo. Il valore del prodotto viene dato da altri fattori che la grande distribuzione e i grandi brand non sono in grado di soddisfare e che, a quanto pare, sono molto ricercati da fasce sempre più ampie di “consumatori”. La foto notturna del globo - a cura di Etsy.com - mostra la presenza della community nei vari continenti.

(Fonte: etsy.com)

Posted on Agosto 1st, 2011
11 note
  1. thumbzideas ha rebloggato questo post da tonermagazine
  2. postato da tonermagazine
Group Members